Israele ordina la demolizione della metà di un villaggio palestinese dopo il Ramadan

HEBRON (Ma’an)

Israeli watchdogs, Mercoledì (15 LUGLIO), ha riferito che le autorità israeliane hanno ordinato la demolizione delle case in un villaggio a sud di Hebron da svolgere dopo il Ramadan.

MaanImages/Charlie Hoyle, File
MaanImages/Charlie Hoyle, File

Rabbini per i Diritti Umani e B’Tselem, in una dichiarazione, hanno detto che la pressione dei coloni israeliani ha portato alla decisione di eseguire gli ordini di demolizione, nel villaggio di Khirbet Susiya dopo il Ramadan, anche se l’udienza dell’Alta Corte per quanto riguarda il caso è attualmente prevista per il 3 agosto.

L’Amministrazione Civile israeliana, l’esercito israeliano, e il coordinamento delle attività del governo nei Territori (COGAT) hanno annunciato l’ordine di demolizione per gli abitanti del villaggio in una riunione di Domenica.

Khirbet Susiya è stato sotto imminente minaccia di demolizione dal mese di maggio, quando l’Alta Corte israeliana ha approvato la demolizione delle case e tende degli abitanti del villaggio e l’eventuale trasferimento dei 300 residenti beduini nei villaggi circostanti.

Il caso giudiziario è in corso dal 2012,da quando ai residenti di Khirbet Susiya è iniziata l’applicazione da parte dell’amministrazione civile israeliana, di un piano di massima riguardante la parte settentrionale del paese.

Gli abitanti di Susiya hanno riferito che le case sono state costruite nel 1986 sui terreni agricoli di loro proprietà, dopo essere stati cacciati da Israele dalle loro precedenti abitazioni costruite su un terreno dichiarato come sito archeologico.

Gli abitanti del villaggio di Khirbet Susiya situato in Area C, un’area che copre il 60 per cento della Cisgiordania sotto il pieno controllo israeliano, devono richiedere i permessi di costruzione all’Amministrazione Civile Israeliana.

In pratica tra il 2000 e il 2012, solo poche domande fatte da palestinesi per la costruzione o l’ampliamento di strutture già esistenti sono state approvate, solo il sei per cento delle richieste di permesso di costruzione è stato concesso ai palestinesi da parte di Israele.

Impossibilitati ad ottenere il permesso “legale”, i palestinesi si trovano ad affrontare costruzioni illegali o a rinunciare.

Dal 1988 le forze israeliane hanno emesso più del doppio della quantità di ordini di demolizione per i palestinesi in area C rispetto a quelli emessi per gli insediamenti illegali israeliani nella zona.

Come riportato da B’Tselem, i coloni israeliani che, in base alle leggi internazionali, vivono illegalmente nella zona, già controllano oltre 300 ettari del territorio di Khirbet Susiya.
Rabbini per i Diritti Umani sostengono che la nuova minaccia è una forma di coercizione che mira ad espellere i residenti dalla zona già prima dell’udienza in tribunale.

Jihad al-Nawajaa, il capo del consiglio del villaggio di Susiya, ha detto che ai residenti è stato comunicato che saranno evacuati con il pretesto che il paese manca di infrastrutture sufficienti per vivere.

Nel frattempo, il governo israeliano fornisce i servizi necessari per la vicina colonia israeliana di Susiya.

Secondo l’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (OCHA),l’anno scorso Israele ha demolito 590 strutture di proprietà palestinese in Cisgiordania e Gerusalemme Est, spostando 1.177 persone.

L’imminente demolizione di Khirbet Susiya arriva mentre un membri del governo di destra di Israele stanno facendo pressione per l’attuazione di un piano per spostare forzatamente decine di migliaia di beduini palestinesi.

Approvato senza alcuna consultazione con la comunità beduina, il piano prevede lo sfratto di circa 40.000 beduini dai loro villaggi per costringerli a vivere in zone concentrate che i critici chiamano “riserve”.

Israele attualmente si rifiuta di riconoscere 35 villaggi beduini del Negev, che ospitano complessivamente circa 90.000 persone.

Trad. Invictapalestina

fonte: http://www.maannews.com/Content.aspx?id=766507

Annunci

Il sistema della giustizia militare israeliano – una catena di montaggio per la detenzione di massa

E’ anche parte integrante del meccanismo di annullamento dei desideri di un popolo e della capacità di prendersi la sua terra e la sua libertà

di Amira Hass 15.07.15   Haaretz

A military Tribunal at the Camp Ofer prison near Ramallah
A military Tribunal at the Camp Ofer prison near Ramallah

Uomo morde cane – ecco perché il caso di Mohib Zagharna attira la nostra attenzione. C’è un giudice della corte militare di Ofer che considera l’uguaglianza un valore accettabile.

Il tenente colonnello Shmuel Keidar aveva deciso che Zagharna avrebbe dovuto essere rilasciato su cauzione dopo che lui ed altri si sono azzuffati con le forze di polizia di frontiera e ispettori dell’Amministrazione civile che erano arrivati per smantellare la linea elettrica nel suo quartiere del villaggio di Ramadin, a sud della Cisgiordania.

“Quando le forze di sicurezza arrivano per distruggere la casa di una persona, è difficile immaginare una situazione in cui questa persona se ne stia in disparte e semplicemente esibisca cartelli contro la demolizione e che gli animi non si scaldino, soprattutto quando se ciò avviene di sorpresa,” ha scritto nella sentenza Keidar il 29 giugno.

“Non ci si può aspettare che una persona non resista alla distruzione della sua casa, così come ha fatto la gente di ogni settore del Paese, come ad Yamit, Gush Katif, Amona, Givat Amal [a Tel Aviv] ed altrove. In questi esempi ci sono stati (parecchi) proprietari di case che hanno preso iniziative violente e sono stati arrestati, ma non mi pare che siano stati trattenuti più di qualche giorno per essere interrogati e non fino al termine delle procedure legali nei loro confronti.”

L’accusa sostiene che Zagharna ha aggredito un poliziotto di frontiera con una pietra delle dimensioni di un pompelmo e che è ancora un pericolo pubblico. La difesa dice che è arrivato per difendere suo padre, che i poliziotti stavano picchiando.

Qualunque festeggiamento nel caso di Keidar era prematuro; il normale sistema di giudizio è stato immediatamente rimesso a posto. Il pubblico ministero militare ha presentato appello contro la sua liberazione su cauzione e il vice presidente della Corte d’appello militare, , il tenente colonnello Zvi Lekah, ha deciso che Zagharna, arrestato il 7 maggio, debba rimanere in carcere fino alla fine del procedimento legale.

Questo è il modo in cui il sistema giudiziario militare obbliga i palestinesi al patteggiamento. L’imputato si dichiara colpevole perché se attende il processo in cui i testimoni sono interrogati in modo corretto, finisce per stare in prigione più a lungo di qualunque pena ricevesse in caso di condanna.

Un’eccezione come Keidar fa giurisprudenza e questa linea di condotta ci fa dimenticare che il sistema della giustizia militare è una catena di montaggio per la detenzione di massa, parte integrante dell’elaborato e sofisticato meccanismo di abusi per annullare i desideri di un popolo e la capacità di riprendersi la sua terra e la sua libertà.

A differenza delle colonie di Amona e Gush Katif a Gaza, il quartiere di Sidri, dove vive Zagharna, non è stato costruito sulla terra rubata agli altri. La maggior parte delle sue case è stata costruita prima del 1967 o appena dopo. Israele non ha scuse per poterle demolire, ma può rendere piuttosto miserabile la vita dei residenti.

Tra queste, non includerli nel progetto complessivo del villaggio, impedendo loro di ampliare le loro case o costruirne di nuove e rifiutando di collegarli alla rete elettrica e idrica. Benché il villaggio di Ramadin sia stato inserito nell’area B, sotto il controllo civile palestinese, il quartiere di Sidri è inserito nell’Area C, sotto il totale controllo israeliano. Perché? Per prendersi più terra possibile da annettere a Israele.

A pochi chilometri dal rione di Sidri c’è Sansana, un avamposto non autorizzato e illegale costruito nel 2000, a cui il governo ha concesso il riconoscimento ufficiale nell’aprile 2012. Sansana, ora autorizzato ma illegale, avrà bisogno di spazio per ingrandirsi, e Sidri si trova sulla sua strada.

Nel 2008 la compagnia elettrica palestinese ha allacciato il rione al XX secolo, piazzando 40 pali e portato i fili della luce fino alle loro case. Anche questo è resistere all’occupazione.

Ma nell’aprile 2012 l’Amministrazione civile [israeliana, in realtà militare, dei Territori occupati. N.d.tr.] ha emesso un ordine di demolizione dei pali elettrici. Sperando che il sistema israeliano dimostrasse un poco di correttezza, i residenti hanno iniziato una procedura amministrativa e legale per ottenere un permesso edilizio retroattivo per i pali. La demolizione ha avuto luogo nel bel mezzo di questa causa. Un arresto come quello di Zagharna ha l’obiettivo di far in modo che gli altri si sottomettano.

I giudici militari devono essere semplici ingranaggi nelle ruote del grande bulldozer, ma sono ingranaggi con libertà di scelta. Un giorno si troveranno a dover difendere le loro decisioni in tribunale.

(trad. di Amedeo Rossi)

Se Israele scommette sull’Isis

Una manifestazione di drusi presso il villaggio di Majdal Shams (Reuters).
Una manifestazione di drusi presso il villaggio di Majdal Shams (Reuters).

Famiglia Cristiana 23 Giugno 2015 Fulvio Scaglione

“Per Israele si avvicina il momento della verità?”. Davvero la situazione è così drammatica come sembradescriverla il titolo di Yediot Ahronot, il più diffuso quotidiano del Paese? Certo è che le incognite di certe scelte strategiche si avverte oggi come non mai. Nel conflitto permanente tra Paesi arabi sunniti e Paesi sciiti che tormenta il Medio Oriente, Israele si è schierato con i primi e su questa opzione, in buona sostanza basata sull’ossessione per il pericolo rappresentato dall’Iran, il premier Netanyahu ha fondato la propria politica estera. Con ancor più convinzione e frenesia da quando gli Usa di Obama hanno cominciato a trattare con gli ayatollah per regolare la questione del nucleare.

Continua a leggere Se Israele scommette sull’Isis

L’attivismo collettivo e i cavalieri solitari

Discussione aperta (Seconda pubblicazione)

Qualche anno fa, Marco Revelli in un suo articolo intitolato “Gli eroi e la cattiva coscienza”,partendo dalla citazione di Bertold Brecht «Sventurato quel popolo che ha bisogno di eroi», ragionava sugli “eroi moderni”, che offrirono le proprie sofferenze e la propria stessa vita in “sacrificio” per disincagliare la Storia che si era arrestata.
nell’articolo concludeva: Continua a leggere L’attivismo collettivo e i cavalieri solitari

Saverio Costanzo gira “Private” in Calabria con Mohammad Bakri

“Alla base di Private c’è una storia vera. Mentre ero in Palestina una giornalista mi ha parlato di un arabo, di cui non posso svelare l’identità, che vive ancora oggi coi soldati israeliani sul tetto. È il preside di una scuola, che ama Shakespeare, prega cinque volte al giorno e osserva il Ramadam. Vive a cinque metri dal muro della base militare israeliana: apre la porta della cucina e se la trova di fronte. Questa convivenza forzata dura dal 1992: nessuno lascia l’abitazione, intorno non c’è niente, perché di solito gli israeliani distruggono le case circostanti per avere la visuale sgombra da ostacoli. E non si tratta di un caso isolato: sono parecchi i soldati che, nei territori occupati, vivono in case di palestinesi.”

Così Saverio Costanzo parlando del suo film prodotto nel 2004 e premiato col Pardo d’oro al festival di Locarno , spiega l’origine dell’ispirazione del suo capolavoro proiettato anche nelle sale di Tel Aviv.

Bene, questo film di denuncia senza compromessi dell’occupazione dei territori palestinesi da parte dell’esercito israeliano, è stato girato in Calabria in un casolare nei pressi di Riace. Il territorio calabrese è simile ad alcune zone del Libano, della Siria, della Palestina, simile per il clima, l’arsura, la scarsità di acqua. È simile anche per le tradizioni, l’ospitalità, la cultura.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: