Canzone d’amore finale di François Hollande per Israele

Ali  Abunimah 16 gennaio 2017
Barack Obama e il suo omologo francese François Hollande hanno molto in comune. Entrambi i presidenti sono stati eletti su un’onda di speranza di cambiamento graduale.

Dopo anni di attuazione di aspre politiche neoliberiste in  casa e dichiarazioni di guerre sanguinose e futili all’estero, lasceranno l’incarico a un paio di mesi di distanza con i loro nomi legati  pietosamente ai magri risultati.

Il noto intellettuale Cornel West scrive che il “regno di Obama non ha prodotto l’incubo di Donald Trump – Ma ha contribuito a crearlo”

Se il dominio di Hollande è seguito dall’incubo della estrema destra con una presidenza del Fronte Nazionale, questo farà parte del patrimonio che il leader francese uscente lascia al suo paese.

Schermata 2017-01-19 alle 21.49.32.png

Forse in nessun campo  il fallimento di questi due uomini è stato più miserabile e completo rispetto ai loro sforzi presunti per realizzare la cosiddetta soluzione dei due stati.

Entrambi hanno adottato un approccio simile: sostenendo di contrastare la costruzione degli insediamenti israeliani nella Cisgiordania occupata mentre in pratica hanno garantito  Israele  con protezione e assistenza per  proseguire impunemente la sua occupazione e la colonizzazione violenta.

Schermata 2017-01-19 alle 21.51.42.png

Il record di Obama è  lungo e consolidato; è stato preso un  impegno per la fornitura incondizionata a Israele di  38 miliardi di dollari in armi americane nei prossimi dieci anni – il più grande pacchetto di aiuti militari a qualsiasi paese nella storia.

Umiliazione

Come il giornalista veterano francese  Alain Gresh osserva, Hollande ha seguito più o meno lo stesso percorso.

Il presidente francese, durante una cena intima a casa del primo ministro israeliano nel 2013, ha anche detto a Benjamin Netanyahu, che avrebbe desiderato avere il talento musicale per cantare “una canzone d’amore per Israele e suoi leader” – un atto di auto-umiliazione immortalato nel video:

Anche se la Francia non può permettersi gli aiuti militari esagerati forniti da Obama, Hollande non sarebbe riuscito a superare il suo fervore anti-palestinese in qualsiasi altro modo.

Come ricorda Gresh, il governo di Hollande è arrivato a vietare manifestazioni di solidarietà con la Palestina nel corso del 2014 durante l’assalto israeliano a Gaza che ha lasciato più di 2.200 palestinesi, tra i quali più di 550 bambini, morti.

Azioni penali dell’amministrazione Hollande e denunce di cittadini che sostengono il boicottaggio, disinvestimento e sanzioni (BDS)  perché ritengono Israele responsabile, hanno reso la Francia uno dei paesi più repressivi al mondo nei confronti del movimento di solidarietà palestinese.

“Ciò che colpisce,” nota Gresh, “è il doppio linguaggio della Francia, che da una parte dichiara il suo sostegno per il diritto internazionale, dall’altra rafforza  le relazioni bilaterali con Israele, come se quel paese non fosse in violazione permanente del diritto internazionale”.

Gresh cita un esempio efficace: nel mese di novembre, per la prima volta, aerei da guerra israeliani hanno effettuato esercitazioni con la forza aerea francese nei cieli sopra la Corsica – un possibile precursore di operazioni militari congiunte in tutto il mondo.

“Un ultimo schiaffo”

In entrambi i casi, il risultato di questa effusione di aiuto e di affetto è stata la stessa: Hollande e Obama lasceranno l’incarico  lanciando insulti contro Israele mentre vanno via.

Gresh definisce la reazione infuriata di Netanyahu alla “conferenza per la pace in Medio Oriente” che il presidente francese ha ospitato a Parigi  Domenica, “un ultimo schiaffo a François Hollande, che senza dubbio porgerà l’altra guancia”.

Prima del convegno- al quale hanno partecipato rappresentanti di circa 70 paesi, ma  non israeliani e palestinesi – non era ancora iniziato, che Netanyahu l’aveva già dichiarato “inutile”.

“Questi sono gli ultimi spasmi del mondo di ieri. Domani sarà diverso, “ha aggiunto Netanyahu in apparente attesa entusiasta dell’entrata di Trump  alla Casa Bianca il prossimo Venerdì.

Anche rappresentanti di Trump come riferito hanno condannato la conferenza – e il governo britannico, sempre desiderosi di ingraziarsi il presidente americano in arrivo, rimasto lontano.

Altri ministri israeliani sono stati ancora più aggressivi. Il ministro della Difesa Avigdor Lieberman ha paragonato la conferenza  al Dreyfus Affair, la famigerata persecuzione di un ufficiale militare francese  vista come un esempio fondamentale del moderno antisemitismo europea del 19 ° secolo.

Due  visioni razziste concorrenti

Se, come dimostrano i record, Hollande e Obama sono stati tra i leader occidentali più pro-Israele nella storia, cosa spiega la rabbia senza limiti di Israele?

La risposta è semplice. Obama e Hollande, da un lato, e Netanyahu e Trump, dall’altro, rappresentano due visioni concorrenti pro-Israele.

Come ho già sottolineato in precedenza, Netanyahu rappresenta un Israele razzista sfacciatamente, che non è più interessato a sostenere  la pace, né  è disposto a concedere ai palestinesi i loro diritti in qualsiasi condizione.

I paesi rappresentati alla conferenza di Parigi hanno la stessa visione razzista di  Israele, ma credono che questa possa essere garantita solo se  rimane aperta ai palestinesi qualche opzione di bantustan.

Proprio come la risoluzione delle Nazioni Unite  passata con molto clamore nel mese di dicembre, e nei giorni successivi il discorso del Segretario di Stato americano John Kerry, la riunione di Parigi ha mirato a resuscitare questa opzione bantustan – la soluzione dei due stati.

Ma la dichiarazione finale della Conferenza conferma l’inefficacia di questo approccio.

Falsa equivalenza

Mentre si ribadisce – come  deve e dovrebbe – essere l’illegalità degli insediamenti israeliani nei territori occupati, si rafforza anche inesorabilmente la falsa equivalenza tra occupanti e occupati come ugualmente responsabili per l’assenza di “pace”.

Si chiedono “negoziati diretti significativi” in un contesto di uno squilibrio radicale del potere tra Israele e i palestinesi – una strategia il cui fallimento è stato definitivamente dimostrato a tutti, ma  come la più testarda e delirante  da oltre due decadi del cosiddetto Processo di Pace.

Il quotidiano di Tel Aviv Haaretz ha osservato che la relazione finale è stata “meno dura” – presumibilmente per Israele – dell’idea che era trapelata all’inizio della settimana.

Come risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite del dicembre 2334, la dichiarazione di Parigi minaccia conseguenze se Israele non pone fine alla sua colonizzazione e violenta oppressione di milioni di palestinesi.

Kerry ha anche parlato con Netanyahu il giorno della conferenza per rassicurarlo che non ci sarebbero state ulteriori azioni  presso le Nazioni Unite o in qualsiasi altro forum internazionale.

E infine la dichiarazione finale con l’ostinazione  di  “entrambe le parti riaffermano ufficialmente il loro impegno per la soluzione dei due Stati, quindi dissociandosi da proposte che rifiutano questa soluzione” non potrà sopprimere il crescente sostegno per una soluzione one-stato come il percorso più realistico per la giustizia e la pace in tutta la Palestina storica.

immagine150

Nulla di ciò che è accaduto a Parigi dovrebbe poter cambiare questa conclusione fondamentale: Israele, come il suo regime gemello di apartheid in Sud Africa  una generazione fa, deve stare sotto pressione e isolato finché non sarà costretto a cambiare.

Tutto il convegno è stato alla fine come la canzone d’amore finale del Presidente François Hollande per Israele.

Trad. Invictapalestina.org

Fonte: https://electronicintifada.net/blogs/ali-abunimah/francois-hollandes-final-love-song-israel

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...