Israele: sciopero contro le demolizioni nel settore arabo

January 11, 2016

Gli arabi in Israele mercoledì hanno chiuso negozi, imprese e scuole per protestare contro la demolizione da parte delle autorità delle case costruite senza i permessi richiesti, molto difficili da ottenere, ha detto il capo di una delle organizzazioni rappresentative.

 

L’iniziativa ha fatto seguito alla distruzione, martedì, di undici edifici nella città araba di Qalansuwa (nord).

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, costretto da una decisione del tribunale a demolire l’insediamento ebraico di Amona in territorio palestinese occupato e a fronte della montatura politica praticata alla sua destra a tale proposito, aveva promesso in dicembre di applicare la legge con stessa forza contro le costruzioni illegali di ebrei e arabi.

Aveva ordinato alle autorità competenti di demolire strutture illegali nel settore arabo, avevano riferito i media che citatavano la sua dichiarazione: “Non ci saranno due pesi, due misure  in materia di costruzioni. La legge israeliana sarà ugualmente applicata per gli ebrei e per gli arabi.”

I detrattori di Netanyahu obiettano che le autorità israeliane sono già impegnate in demolizioni nel settore arabo. Gli arabi israeliani sostengono che è estremamente difficile per loro ottenere i permessi di costruzione necessari e che non hanno altra scelta che costruire illegalmente.

Il monitoraggio dello sciopero mercoledì “ha superato le nostre aspettative”, ha detto all’Agenzia France Press Mohammad Barakeh, capo di un’organizzazione che riunisce diverse ONG che rappresentano gli arabi israeliani. Il movimento è stato ampiamente osservato a Nazareth e Umm el-Fahm, due delle più grandi città arabe  d’Israele, e nella città mista di Haifa, ha riferito la radio pubblica israeliana.

sciopero
Gli arabi israeliani con un manifesto scritto in arabo “No alla demolizione delle case, oggi è quella del tuo vicino di casa, domani sarà la tua” – 11 gen 2017 (foto da Jack GUEZ / AFP)

“Demolire undici case che i loro proprietari avevano costruito sulla loro terra a Qalansuwa è un crimine senza precedenti e una dichiarazione di guerra contro gli abitanti e contro la comunità araba d’Israele”, ha detto in un comunicato la Lista unita, una coalizione di formazioni arabe che rappresenta il terzo gruppo in Parlamento.

Gli arabi israeliani sono i discendenti dei palestinesi rimasti sulla loro terra alla creazione di Israele nel 1948. Essi hanno la nazionalità israeliana e rappresentano il 17,5% della popolazione, in maggioranza ebraica. Si lamentano da lungo tempo per le discriminazioni.

sciopero1
E ‘stato deciso anche previa consultazione tra i membri del Consiglio Comunale, che gli studenti organizzeranno centri e punti nelle scuole, al fine di raccogliere fondi per i proprietari delle abitazione distrutte, poi passeranno alla raccolta fondi in città.

Traduzione Simonetta Lambertini – Invictapalestina.org

Fonti: http://www.lorientlejour.com/article/1028575/israel-greve-contre-les-demolitions-dans-le-secteur-arabe.html

http://www.al-monitor.com/pulse/afp/2017/01/israel-arabs-demolitions-strike.html

http://www.qalansuwa.com/online/qalnews/27260.html

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...