La chiusura dei conti bancari di Palestine Solidarity Campaign in Irlanda è “chiaramente politica”

bank-of-ireland
Attivisti protestano contro una filiale della Bank of Ireland a Galway. (Sinn Féin Republican Youth)

La Bank of Ireland ha lasciato intendere in una nuova lettera che la sua chiusura dei conti dell’Ireland Palestine Solidarity Campaign (IPSC) è stata il risultato di pressioni esterne.

Enda Fanning, uomo politico del Sinn Féin al quale la lettera è stata indirizzata, ha detto a The Electronic Intifada di essere “disgustato”.

Fanning, consigliere della contea di Dublino, ha aggiunto che la risposta dimostra che l’azione della banca è stata “una decisione politica”.

L’IPSC ha annunciato all’inizio di questo mese che la banca aveva chiuso i suoi conti con la sola spiegazione che l’organizzazione non possedeva più i requisiti conformi alla sua “propensione al rischio”.

Il gruppo ha affermato che la decisione della banca è stata “un attacco ai diritti dei palestinesi e al BDS”, il movimento di boicottaggio, disinvestimento e sanzioni.

Fanning aveva scritto alla banca all’inizio del mese chiedendo il motivo per cui i conti erano stati chiusi.

“Scrivo come qualcuno che ha già fatto donazioni all’IPSC”, Fanning ha dichiarato in una lettera mostrata a The Electronic Intifada. “Si prega di informare delle ragioni per la chiusura. Sembrerebbe essere altamente controversa e ingiusta e porta tutti i segni di una decisione politica “.
Fanning, martedì, ha postato la risposta integrale della banca su Twitter .

lettera

L’amministratore delegato della banca, Richie Boucher, ha scritto che la chiusura del conto “rispetta tutti gli obblighi di legge e dei regolamenti che si applicano in tutti i paesi in cui opera … [inclusi] l’Unione Europea, il Ministero del Tesoro britannico [UK], le Nazioni Unite e il Department of the Treasury’s Office of Foreign Assets Control degli Stati Uniti”.

Boucher ha scritto di “non essere in grado” di commentare il caso specifico, ma che “la descrizione di alcuni tipi di clienti, occupazione, settori industriali e aree geografiche” sono la ragione che ha portato a questa decisione.

Fanning ha detto a The Electronic Intifada che “la risposta della banca presenta chiare connotazioni politiche – è formulata in termini di regolamentazione, ma in realtà la politica di questa decisione salta fuori da ogni loro parola.”

L’IPSC “è un’organizzazione della società civile completamente legale”, ha detto Fanning. “L’attuale presidente d’Irlanda, Michael D. Higgins, è un ex mecenate dell’IPSC e ha parlato in occasione di eventi IPSC”.

La sezione giovanile del Sinn Féin ha inscenato proteste contro le chiusura del conto presso le filiali  della Bank of Ireland nella Repubblica.

L’IPSC ha lanciato un appello ai sostenitori perché sporgano reclamo alla Bank of Ireland, prendano in considerazione la chiusura dei conti in segno di protesta e sostengano finanziariamente il loro lavoro.

Trad. Invictapalestina.org

fonte:https://electronicintifada.net/blogs/asa-winstanley/palestine-bank-account-closures-ireland-clearly-political

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...