Politici Veri e politici Finti

Pubblichiamo le parole di uno scrittore regista israeliano intrise di disprezzo, forse solo perché la delegazione non ha accettato i Rolex offerti dall’Hasbarà come successe in Arabia Saudita con l’altra delegazione guidata da Renzi. Questi sono i politici veri, gli altri solo pubblicità. (Precisazione: Invictapalestina non sostiene/sponsorizza il M5S, fa solo informazione ed è ben felice che lo stesso argomento sia stato ripreso questa mattina da Contropiano, giornale comunista online).

Governo in visita in Arabia Saudita. La missione finisce in rissa per i Rolex in regalo

8 gennaio 2016  [Il Fatto Quotidiano]

Parapiglia tra dirigenti del governo in viaggio con Matteo Renzi per i Rolex elargiti dagli amici di Ryad. Questo racconto, descritto da testimoni oculari, proviene dall’Arabia Saudita. È una grossa figuraccia internazionale per l’Italia.

 È ormai la notte tra domenica 8 e lunedì 9 novembre. Il palazzo reale di Ryad è una fonte di luce che illumina la Capitale saudita ficcata nel deserto. La delegazione italiana, che accompagna Matteo Renzi in visita ai signori del petrolio, è sfiancata dal fuso orario e dal tasso d’umidità. La comitiva di governo è nei corridoi immensi con piante e tende vistose, atmosfera ovattata, marmi e dipinti. Gli italiani vanno a dormire. Così il cerimoniale di Palazzo Chigi, depositario degli elenchi e dei protocolli di una trasferta di Stato, prima del riposo tenta di alleviare le fatiche con l’inusuale distribuzione dei regali. Quelli che gli oltre 50 ospiti di Roma – ci sono anche i vertici di alcune aziende statali (Finmeccanica) e private (Salini Impregilo) – hanno adocchiato sui banchetti del salone per la cena con la famiglia al trono: deliziose confezioni col fiocco, cognome scritto in italiano e pure in arabo.

Io e loro in spiaggia, uno spot di intenzioni buone e impraticabili.

Schermata 2016-07-11 alle 12.26.45.png

[…] Un politico italiano che si oppone alla corruzione mi pare cosa rara quanto un combattente dell’ISIS pacifista. Giacché l’ultimo politico italiano da me incontrato di persona è Berlusconi, il solo fatto che la parola più frequente nella nostra conversazione fosse “giustizia” mi ha spinto a darmi una serie di pizzicotti per verificare che non stavo sognando. Solo dopo che i tre inviati hanno lasciato il mio tavolo, diretti alla Santa Gerusalemme, ho ritrovato calma sufficiente da tirare le conclusioni dell’incontro: i tre appena incontrati non sembrano in nessun modo politici veri, piuttosto una pubblicità ai politici, e che anche la realtà della quale parlavano suonava come una pubblicità della realtà: egualitaria, giusta e rispettosa della legge.

Normalmente guardo con sospetto cose del genere, ma considerato il declino nel quale stiamo vivendo, mi ha fatto piacere credere a una pubblicità, per quanto pretenziosa.
Pur dubitando che le loro buone intenzioni riusciranno a liquidare la corruzione della politica italiana o il conflitto in Medio Oriente, non stento a capire perché tanti italiani li hanno votati: in un mondo in cui il vecchio ordine crolla e i corrotti e disonesti che per tanti anni hanno fatto pipì nella piscina della nostra esistenza si sentono ormai abbastanza tranquilli da pisciare dal trampolino, ci si sente rinvigorire da un gruppo del genere, che riesce a pronunciare parole come “politica pulita” o “guerra alla corruzione” senza balbettare o distogliere lo sguardo.

La strada per l’inferno, si dice, è lastricata di buone intenzioni. Ma l’inferno sembra essere già qui, perciò le buone intenzioni non faranno comunque gran danno.
Fonte: Corriere della Sera, 11 luglio 2016

Etgar Keret, 48 anni, figlio di sopravvissuti all’olocausto, scrittore e regista.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...