PER NON DIMENTICARE… GHASSAM KANAFANI

kanafani
Ghassan Kanafani & Ghada Samman

Roma 7 luglio 2016 – Maurizio Musolino – aggiornato 8 luglio 0re 15.00
Domani saranno quaranta quattro anni, da quando l’8 luglio 1972 veniva barbaramente assassinato a Beirut, insieme alla sua nipotina di 16 anni, per mano del Mossad, l’intellettuale palestinese Ghassan Kanafani. Leader del fronte Popolare (Fplp), giornalista e scrittore, Kanafani, nato ad Acri il 9 aprile (il giorno del mio compleanno) 1936, ci ha lasciato opere indimenticabili, fra queste Ritorno ad Haifa, un libro che conserva la sua straordinaria attualità anche a distanza di tanti decenni.


Aveva dodici anni quando fu creato lo stato di Israele nel 1948, la Nakba (il disastro), e fu testimone al tragico episodio del massacro degli abitanti del villaggio arabo di Deir Yassin. Da questo momento la sua vita e le sue esperienze rappresenteranno le tappe del popolo palestinese, dalla diaspora alla presa di coscienza della sconfitta dell’esercito arabo all’umiliazione e alla perdita di identità. La sua famiglia si rifugiò dapprima in un villaggio del Libano meridionale nella speranza di ritornare al più presto a casa. Successivamente dopo un periodo in Siria e in Kuwait ritornò stabilmente nel 1960 a Beirut, contribuendo, insieme a George Habbash, alla nascita del Fronte Popolare.
La vera colpa di Kanafani, agli occhi di Israele, non era solo l’essere palestinese e militante marxista, ma soprattutto rappresentare al mondo uno spaccato della società palestinese laica, aperta e amante dei diritti e della libertà. Una colpa imperdonabile per uno stato “canaglia” come Israele, che lo ha condannato.
Schermata 2016-07-08 alle 00.28.45.pngDa anni mi occupo di Palestina e nello specifico da tempo mi interesso attraverso il Comitato per non dimenticare… Sabra e Chatila (fondato dal mai dimenticato Stefano Chiarini) dei diritti dei rifugiati palestinesi. In tanti mi hanno chiesto consigli sui libri da leggere per comprendere le origini del dramma a cui questo popolo è stato condannato dai silenzi e dalle complicità di tanti Paesi, a tutti ho sempre risposto che Ritorno ad Haifa è una lettura indispensabile.
Per tutte queste ragioni oggi ho voluto ricordare questa grande figura della resistenza palestinese. Ma soprattutto il pensiero a uomini come Ghassan Kanafani va in un momento nel quale in Medio oriente e nel mondo sembra prevalere la barbarie. Una barbarie tutta figlia del colonialismo occidentale, complice e responsabile della nascita degli embrioni di estremismo religioso quali Al Qaida e Isis.
Non dimentichiamo…

 

L’8 luglio 1972 furono uccisi Ghassan Kanafani e la nipote Lamis per la quale nove anni prima aveva scritto ‘La piccola lanterna’.
Un seme che nonostante tutto continua a crescere.

21 / 01 / 1963
A Lamis,
per i tuoi otto anni

Cara Lamnipotinais, nipotina mia carissima,
dopo tanti anni ho trovato la strada e ho capito dove fermarmi. Non sono un poeta e perciò non ti scriverò una poesia. Non sono nemmeno un sapiente e perciò non ti scriverò un trattato… così, per mantenere la promessa del regalo scriverò un racconto per te: scrivere racconti è il mio mestiere.
Ti scriverò un racconto dal titolo La piccola lanterna. Una lanterna piccola, ma che crescerà con te.
Ghassan

13590440_1098963936852436_6255385758491333654_n

 

fonte: ULAIA Arte Sud onlus

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...