Il supporto per la Palestina è in crescita nonostante la parzialità dei media

convegno.jpg

18-05-2016 18:39 Fonte: MEMO

Uno studioso del Centro arabo per la ricerca e gli studi politici, ha detto che oggi il numero di persone nate dopo il 1980 sostiene la causa palestinese 3 volte di più rispetto a quelli della precedente generazione.

Parlando al Palestine Media Forum di Istanbul, in Turchia, Osama Abu Rasheed ha detto che, anche se 40.000 elettori negli Stati Uniti mettono Israele nella loro agenda di voto, il supporto per i palestinesi complessivamente è in crescita.

“I sionisti sono convinti in molte parti  dell’America che le loro esigenze sono le stesse e uniche. Che Israele è l’ancora di stabilità nell’area”.

Nonostante questo, ha spiegato, “ci sono obiezioni a quello che Israele sta facendo oggi. Le università e le chiese hanno votato il boicottaggio di Israele “.

Palestina attraverso la lente dei media

Una conferenza di due giorni ospitata dalla Palestina Forum  in collaborazione con MEMO mette insieme attivisti provenienti da oltre 50 paesi per valutare come siamo in grado di unire le organizzazioni e fornire una vera immagine della lotta palestinese e dei loro sacrifici.

Rafael Targino caporedattore di Opera Mundi ha detto: In un mondo dove “i palestinesi sono sempre sospettati, dobbiamo raccontare alla gente quello che è successo. il Brasile è altamente pro-Israele, lavoriamo in un ambiente anti-Palestina,  ed è una sfida.”

“I palestinesi sono sempre guardati con sospetto, ragazzi che hanno fatto qualcosa di sbagliato. Ogni volta che succede qualcosa si sente solo la versione dell’esercito israeliano solo e nient’altro.”

Questo deve essere contrastato, ha spiegato. “Siamo in grado di dire che cosa è realmente accaduto. Dobbiamo dire alla gente quello che è successo.”

Sia Abu Rasheed che Targino sono intervenuti nell’ambito di una discussione sui miti sionisti uno degli argomenti della manifestazione di due giorni. Hanno condiviso il palco con l’accademico Munir Shafiq che ha parlato della sua esperienza  con il giornalista tedesco Martin Lejeune nel costruire alla conferenza. Lejeune ha spiegato come la Germania ha censurato le critiche verso Israele sugli eventi del passato.

“Generazione dopo generazione sta pagando il prezzo per un crimine storico. Non ha senso. Volete pagare il prezzo per sempre? ” ha chiesto. “Questo è qualcosa che le future generazioni non dovrebbero accettare.”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...