Lo Spirito di Nelson Mandela in Palestina: è la sua vera eredità quella che viene proclamata?

May 4, 2016 – By Ramzy Baroud

Quando ho saputo che in Palestina hanno eretto una statua di Nelson Mandela, l’icona dell’ anti apartheid sudafricana, ho avuto dei sentimenti contrastanti. Da un lato, mi ha fatto molto piacere sapere  che il rapporto  tra le lotte dei palestinesi e quelle dei sudafricani è ancora molto forte.

Dall’altro,  temo  che i ricchi e corrotti palestinesi di  Ramallah stiano utilizzando l’immagine di Mandela per acquisire un capitale politico di cui hanno tremendamente bisogno.

La statua di bronzo di sei metri si trova ora in piazza Nelson Mandela, nel quartiere di Al-Tireh a Ramallah, dove ha sede il quartier generale dell’Autorità Nazionale Palestinese. La ANP è nota per la endemica corruzione della sua classe politica e finanziaria. In un certo senso, la sua sopravvivenza è essenziale sia per la ricca classe politica palestinese sia per l’occupazione militare israeliana.

E’ stato quindi abbastanza sconsolante assistere alla parodia teatrale in cui  l’artista principale,  il presidente della  ANP Mahmoud Abbas, che governa con un mandato scaduto da molto tempo, scopriva  la statua in una cerimonia in cui erano presenti  suoi ministri e diplomatici stranieri.

La statua è stata un dono della città di Johannesburg, ed il suo costo di 6 milioni di Rand (circa €348.000 ndt) è stato pagato dalla municipalità di quella città. Città  la cui solidarietà con la Palestina è intrecciata  in una lunga storia di lacrime , sangue, toccanti  grida di dolore e di libertà.  Cosa che rende il dono ancora più gradito.

Ma il Mandela che ora si trova eretto a Ramallah è stato inserito nel quartiere che incorpora lo spirito del tempo di questa città, il quartiere più ricco e radioso che fa mostra  di enormi ville in pietra bianca e auto di lusso.

Avrebbe avuto un significato più profondo se la statua fosse stata eretta nel centro di Gaza, città che sta tuttora resistendo ad un  genocidio;  nel cuore di Jenin, una città nota per la sua audacia nonostante le sue scarse risorse; ad Al-Khalil, a Nablus o a Khan Younis. Vedere invece ricchi funzionari e uomini d’affari in stato di eccitazione che si affannavano a guadagnare un posto davanti alle tante telecamere palestinesi, ha spogliato l’evento del suo speciale significato.

E’ strano  ma non è solo la statua di Nelson Mandela a Ramallah che mi lascia inquieto ma anche quella  di  Sandton City a Johannesburg. Ho visitato il posto più di una volta, e nonostante la mia immensa ammirazione per Mandela, non è riuscito ad emozionarmi.

L’inserimentod della statua di Mandela in un’area commerciale della città mi è sembrato un tentativo di ridefinire Mandela per quello che non era: da leader popolare  e da ex prigioniero con  orgogliosi legami con il  Partito Comunista ad un’icona senza energia , una  figura sfocata senza radici radicali.

Ancora peggio: è stato reclamizzato  come una qualsiasi merce all’interno di un incerto mercato neoliberista, in cui tutto è in vendita e dei valori rivoluzionari non c’è traccia. Il sito di Sandton City così descrive la piazza:“è la sede di alcuni dei migliori ristoranti del Sud Africa, esclusivi ed alla moda, una piazza in stile europeo: Nelson Mandela Square ,raffinata ed elegante, glamour ed alla moda, il tutto sotto il sole africano”.

Insomma il Mandela che è propagandato da alcuni in Sud Africa, e dai  loro simili in Palestina, è fondamentalmente diverso dal Mandela che molti di noi conoscevano. L’uomo deceduto il 5 dicembre 2013 ha evidentemente lasciato due eredità, quella celebrata nei campi profughi palestinesi e nelle baraccopoli del Sud Africa, e quella che viene venduta  al turista culturalmente sofisticato ed alla classe corrotta di Ramallah.

Vivendo con la mia famiglia a Gaza in un campo profughi in rovina sotto occupazione militare e la costante minaccia di violenza, Il nome ‘Nelson Mandela’ è sempre stato per noi un punto fermo  . Ogni volta che sentivamo il suo nome nei telegiornali ci precitavamo davanti al televisore. I nostri migliori giovani militanti sono stati inseguiti, picchiati, arrestati e fucilati solo perché tentavano  di scrivere il suo nome sui muri decadenti delle nostre umili abitazioni.

Questo è stato il Mandela che conoscevo, ed è lui che la maggior parte dei palestinesi ricorda con adorazione e rispetto. Quello in piedi a Ramallah, esposto da quei palestinesi che con orgoglio parlano di condurre con Israele un’azione coordinata per la sicurezza – dando congiuntamente  un giro di vite alla  resistenza palestinese – è un Mandela completamente diverso.

E’ un diverso Mandela perché Abbas e la sua autorità non incarnano neanche lontanamente lo spirito del Mandela  combattente per la libertà, il prigioniero capace di sfidare, il leader unificante, l’animatore del movimento di boicottaggio.

In realtà, la leadership palestinese, così come è rappresentata nel governo non eletto di Abbas a Ramallah, deve ancora riconoscere il movimento nato dalla  società civile palestinese per il Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni (BDS), a sua volta generato dal  movimento di boicottaggio del Sud Africa.

Invece  l’ANP di Abbas ha sprecato più di 20 anni in negoziati inutili e senza senso , collaborando con Israele, dividendo la società palestinese  della  West Bank e lavorando attivamente  alla repressione della resistenza palestinese.

Con la sua popolarità sempre più in discesa  tra i palestinesi, Abbas si arrabatta disperatamente alla ricerca di vittorie che appaiono vuote , e insiste nel  presentarsi come leader di liberazione nazionale, nonostante tutto il suo modo di fare  provi il contrario.

Ma il legame tra il Sudafrica e la Palestina è molto più grande di una foto fatta  a Ramallah insieme a uomini eleganti che si ripetono in bugiardi cliché  sulla pace e sulla libertà. Oserei dire che è un legame più grande dello stesso Mandela , a prescindere da quale delle due eredità scegliamo per ricordarlo. Si tratta di un legame  che è stato consacrato dal sangue dei poveri e degli innocenti e dalla lotta tenace di milioni di africani neri o di pelle scura e da arabi palestinesi.

Io questo ho avuto la fortuna di poterlo constatare di persona. Pochi anni fa nel mio ultimo giro di conferenze in Sud Africa , sono stato avvicinato da due uomini sudafricani. Sembravano particolarmente grati per ragioni che inizialmente mi sfuggivano. “Vogliamo ringraziarvi molto per il vostro sostegno alla nostra lotta contro l’apartheid,” disse uno dei due con sincera franchezza e con un’emozione palpabile. In effetti era più che comprensibile. I palestinesi hanno visto la lotta dei loro fratelli neri come la loro lotta. I due uomini però non parlavano di sentimentalismi. Mentre il governo israeliano, i militari e l’intelligence sostenevano il governo dell’apartheid in molti modi, l’Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP) addestrava ed equipaggiava i  combattenti dell’ANC (African National Congress ndt).

Cuba e altri hanno fatto lo stesso, ma mi riempiva di orgoglio pensare che mentre i palestinesi stessi erano impegnati in una estenuante lotta, la leadership palestinese di allora  ha avuto la  coscienza politica di offrire solidarietà ad una nazione in lotta per la sua libertà.

Quegli uomini mi hanno detto che anche dopo tutti questi anni tenevano ancora in bella evidenza le uniformi fornitegli dalla PLO (Palestine Liberation Organization). Ci abbracciammo e ci separammo, ma con il tempo mi sono reso conto che l’attuale lotta contro l’apartheid in Palestina non è solo simile a quella del Sud Africa. Entrambi le lotte sono estensione dello stesso movimento, la stessa lotta per la libertà ed in effetti  contro lo stesso nemico.

Quando Nelson Mandela disse: “Sappiamo fin troppo bene che la nostra libertà è incompleta senza la libertà dei palestinesi”, non cercava di fare il  diplomatico con noi o di essere cordiale.

Egli credeva veramente ad ogni singola parola di quella frase.

Speriamo che un giorno  una statua di Mandela, quello che rappresenta lo spirito della Resistenza in Palestina, si levi in alto tra le persone che hanno sostenuto la sua  causa e che lo hanno amato di più.

Dr Ramzy Baroud scrive su questioni Medio Orientali da più di  20 anni. E’ un giornalista internazionale, un consulente di media ed  autore di diversi libri ed il fondatore della Palestine Chronicle.com.

Tra i suoi libri “Searching Jenin”, “The Second Palestinian Intifada” ed il suo ultimo “My Father Was a Freedom Fighter: Gaza’s Untold Story”.

trad. Gianni Lixi (Associazione Amicizia Sardegna Palestina)

fonte: http://www.ramzybaroud.net/the-spirit-of-nelson-mandela-in-palestine-is-his-real-legacy-being-upheld/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...