Riflessioni su Israele 2016

David M. Gordis (*) February  2016

David-Gordis

Leggendo  una nuova biografia di Abba Eban a cura di Ethan Bronner, mi sono ricordato di un raro momento in cui ho avuto la meglio su un incontro verbale con Eban. E’ successo una trentina di anni fa ad una riunione della Conferenza dei presidenti delle maggiori organizzazioni ebraiche americane, che aveva riunito i leader delle organizzazioni ebraiche americane, per ascoltare, come accadeva qualche volta, la voce di  un illustre personaggio  in visita, in questo caso Eban, voce eloquente di Israele per molti anni.

Ho partecipato come  Vice President Executive della American Jewish Committee. Eban aveva uno spirito e una lingua tagliente. Iniziò il suo intervento con un’osservazione leggermente cinica: “Sono contento, come sempre, di incontrare la Conferenza dei presidenti delle maggiori organizzazioni ebraiche americane, anche se mi chiedo dove sono i presidenti delle organizzazioni ebraiche americane minori”,  In questo incontro ho attratto parte del grande pubblico: “gli altri sono occupati con i funzionari minori del governo israeliano.” Segue una reazione  mite e divertita con Eban che procede con le sue osservazioni.

Ripensando agli incontri  su Israele di quei giorni, ricordo gli incontri mensili ai quali ho partecipato, alternando i viaggi tra Washington e New York, con i miei omologhi Nathan  Perlmutter della Anti-Defamation League (ADL) , Henry Siegman del Congresso ebraico americano,  insieme a Tom Dine dell’America Commissione Israel Public Affairs (AIPAC). Benché l’atmosfera fosse cordiale, una linea di errore chiara separava Perlmutter e Dine da Siegman e me. AIPAC e ADL erano schierati sulla destra ideologica e politica, in particolare quando si tratta di Israele, l’American Jewish Congress era a sinistra e l’American Jewish Committee a cavallo su una posizione di centro, con la sua leadership laica che tende al centro-destra e il suo staff professionale chiaramente verso il centro sinistra.

Una linea  politica pubblica delle quattro organizzazioni è passata in modo incoerente: supporto a qualunque governo  al governo in Israele, di destra o di sinistra,  evitando ogni  critica alle sue politiche.

Questa linea è stata rispettata durante  il periodo con la destra al potere. Tuttavia, l’accordo si sciolse  quando un governo laburista di sinistra andò al governo, perché né ADL né AIPAC esitarono a criticare le politiche del governo laburista. Nei nostri incontri  Dine e Perlmutter concordarono su fatto che un governo laburista  in Israele per loro rappresentava un problema. Così si creò una spaccatura con  Perlmutter and Dine da una parte,  io e Siegman dall’altra.

Da quei giorni la situazione è cambiata. Il Congresso ebraico americano è scomparso dalla scena. L’attuale esecutivo della American Jewish Committee sembra aspirare a ricoprire il ruolo dell’ADL  con Abe Foxman  portavoce principale per una ideologia  e politica di destra.

L’AIPAC sostiene la destra in Israele e la sua alleanza con la destra negli Stati Uniti è più palpabile che mai. E, naturalmente, non vi è stata alcuna opposizione significativa al governo radicale con il  Likud di Benjamin Netanyahu in Israele. L’occupazione israeliana della Cisgiordania si sta avvicinando  a una durata di mezzo secolo. Netanyahu fa passi concreti per allontanare  una soluzione a due stati, e non ci sembra ci sia ancora un’opposizione significativa a queste politiche nello stesso Israele.

Un certo numero di organizzazioni più piccole che supportano una soluzione a due stati sono emerse, in particolare J-Street e gli americani per Peace Now, ma recenti passi da parte del governo israeliano stanno procedendo per delegittimare questi gruppi. La linea di fondo come la vedo io: la destra ha trionfato; la sinistra è stata sconfitta.

L’Israele di oggi è molto lontano da qualsiasi cosa ho sognato e lavorato per tutta la mia carriera. Posso chiaramente ricordare il giorno nel 1948, quando è nato lo Stato di Israele. Io ero in quarta elementare alla Yeshivah of Flatbush in Brooklyn. L’intera scuola fu convocata al cortile della scuola per celebrare l’occasione importante.

Fu  annunciato che da quel giorno la scuola avrebbe adottato la pronuncia  ebraica sefardita (Israele)  abbandonando il vecchio ashkenazita europeo. Ricordo bene il viaggio con i miei genitori verso l’aeroporto di Idyllwild, ora JFK, per vedere il primo aereo di linea con la bandiera israeliana sulla sua fusoliera. Questo è stato un momento di trasformazione. Gli ebrei tornarono alla ribalta della storia dopo la devastazione della Shoah. Israele doveva essere il grande laboratorio per la rinascita di una tradizione antica in una nuova terra e in un paese impegnato ad essere un modello di democrazia e libertà per il mondo.

Cos’è successo? Possiamo discutere le ragioni, ma la linea di fondo per me è che è andata terribilmente storta. Sul lato positivo, le realizzazioni di Israele sono state notevoli. Israele ha creato una fiorente economia, ed è stato un rifugio per centinaia di migliaia di sfollati e di bisognosi. Israele ha generato una vita culturale ricca e diversificata e le sue conquiste scientifiche e didattiche sono state esemplari. Nonostante questi risultati, tuttavia, Israele a mio avviso, è andato fuori strada.

Ed è  nell’ambito nel quale è stato creato Israele, come Stato ebraico, che incarna e valorizza i valori ebraici che vedo questo fallimento. Nel corso della storia, al suo meglio, la vita ebraica e il pensiero hanno viaggiato con successo tra tre coppie di valori  in conflitto tra loro.

In primo luogo, l’esperienza ebraica ha bilanciato il razionale con l’emotività, l’affermazione con la domanda, in cui spesso la domanda emerge come la più importante.

In secondo luogo, ha abbracciato sia il particolarismo che l’universalismo, sondando l’interiorità ebraica ma guardando al mondo più grande, riconoscendo la comune umanità di tutte le persone.

Terzo, ha immaginato  scenari guardando al passato come fonti e ispirazione, ma allo stesso tempo proiettando la visione per un mondo  futuro  migliore della sua realtà attuale.

Oggi Israele ha scartato il razionale, l’universale e l’immaginario. Questi valori sono stati subordinati a un’occupazione crudele e oppressiva, a un materialismo enfatico, a gravi disuguaglianze che rivaleggiano con le peggiori del mondo occidentale e distorte da una religione  fanatica, oscurantista e fondamentalista che incoraggia i comportamenti peggiori piuttosto che quelli migliori.

E più deprimente di tutto per me, è che non vedo via d’uscita, nessuna via di uscita che inverte la realtà attuale. Il controllo della destra in Israele è più forte e più radicata che mai. La leadership delle organizzazioni nella comunità ebraica americana è in silenzio di fronte a questa situazione triste, e non ci sono tendenze riconoscibili che possano portare i Israele fuori da questo pantano. Così, purtroppo, dopo una vita e una carriera dedicata alla comunità ebraica e a Israele, concludo che, secondo me,  in ogni progetto importante Israele non è riuscito a realizzare le sue promesse. Un esperimento nobile, ma un fallimento.

(*) Rabbi David M. Gordis
President, 1993 to 2008

Under the leadership of David M. Gordis, Hebrew College evolved into a nationally recognized leader in transdenominational Jewish education. Gordis oversaw the college’s move from Brookline to Newton Centre, created the college’s Rabbinical School and cantor-education program and forged relations with neighboring Andover Newton Theological School. Prior to assuming the presidency, Gordis served as vice president, provost and associate professor of Talmud at the University of Judaism in Los Angeles and lecturer of Jewish Law at UCLA. He has also served as vice president of the Jewish Theological Seminary of America, executive vice president of the American Jewish Committee and founding executive director of the Foundation for Conservative Judaism in Israel.

trad. Invictapalestina

fonte: http://www.tikkun.org/nextgen/major-american-jewish-leader-changes-his-mind-about-israel

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...