Le informazioni mancanti sulla rivolta Palestinese

Ben White, Friday, 05 February 2016 11:23

woman
A woman uses the kuffiyeh as a mask to protect her identity during intifada clashes in the occupied West Bank

Mercoledì scorso,  giovani palestinesi di un villaggio nel nord della Cisgiordania hanno attaccato degli agenti della polizia di frontiera israeliana fuori dalla Porta di Damasco, nella parte occupata di Gerusalemme Est, uccidendone uno e ferendone un altro. I tre assalitori sono stati uccisi sul posto.

Con lo spargimento di sangue quasi giornaliero, la maggior parte delle agenzie di stampa hanno spesso fatto “copia e incolla” di paragrafi per poter fornire un contesto per i lettori. Qui ci sono tre sintesi, tratte dalle segnalazioni degli attacchi di Mercoledì da Reuters, l’Associated Press, e AFP.

 

“E ‘stato l’ultimo di una ondata di accoltellamenti, sparatorie e auto-bombe di palestinesi che ha ucciso 27 israeliani e un cittadino degli Stati Uniti da ottobre. Le forze israeliane hanno ucciso almeno 155 palestinesi, dei quali 101 assalitori secondo le autorità. La maggior parte degli altri sono morti in proteste violenti “. (Reuters)

 

“Da metà settembre, 27 israeliani sono stati uccisi in attacchi palestinesi. Almeno 154 palestinesi sono morti per fuoco israeliano, tra cui 109 che secondo Israele erano aggressori. Il resto sono stati uccisi in scontri con le truppe israeliane. “(The Associated Press)

 

“L’ondata di violenza ha ucciso 26 israeliani, così come un americano e un eritreo, secondo un’analisi dell’AFP. Nello stesso tempo, 164 palestinesi sono stati uccisi dalle forze israeliane, la maggior parte nello svolgimento attacchi, ma altri durante gli scontri e le manifestazioni “. (AFP)

 

Questi tre paragrafi variano, ma tutti condividono alcune somiglianze preoccupanti, la prova di come – anche inconsapevolmente – la descrizione di una rivolta anti-coloniale viene distorta da una narrazione che è stata creata e promossa dal governo israeliano e dai suoi alleati. Le affermazioni di Israele sugli assalitori palestinesi si ripetono senza mai dichiarazioni contrastanti, nonostante il fatto che, in molti casi, le circostanze in cui i palestinesi sono stati uccisi vengono contestate. Come Gideon Levy ha scritto di recente: “Israele giustizia persone senza un processo quasi ogni giorno.”

 

L’uso da parte delle forze israeliane di violenza letale per reprimere le proteste anti-occupazione non viene quasi mai menzionato. Reuters ha scritto che “la maggior parte” delle altre vittime palestinesi “è morta in proteste violente”, così decolpevolizzando l’agenzia israeliana e inducendo che la colpa sia dei manifestanti stessi. Infine, a differenza delle vittime palestinesi, gli israeliani uccisi da palestinesi non sono descritti in alcun modo – nemmeno come ‘civili’ o ‘militari’. Né ci viene detto quale percentuale di attacchi palestinesi abbia avuto luogo all’interno del territorio palestinese occupato (OPT).

 

Ma le informazioni sono lì, per chi le vuole cercare.

Non citare l’occupazione

Secondo l’Agenzia della Sicurezza di Israele (ISA), anche nota come Shabak o Shin Bet, nel corso di un periodo di tre mesi (ottobre-dicembre), ci sono stati un totale di 1170 “attacchi” da parte dei palestinesi (escludendo Gaza), che includevano accoltellamenti, sparatorie e auto bombe. (da notare che circa il 75-80 per cento di questi “attacchi terroristici” consistevano in bombe incendiarie, di solito sinonimo di una bomba molotov.)

 

Sorprendentemente, solamente 14 di questi attacchi – circa l’1 per cento – ha avuto luogo all’interno della Linea Verde, che divide secondo il riconoscimento internazionale i territori tra Israele e OPT. Per quanto riguarda gli accoltellamenti, solo 12 di un totale di 85 tali attacchi si è verificato all’interno del “vero” Israele. Di conseguenza, secondo l’ISA, l’86 per cento degli accoltellamenti è accaduto nella Cisgiordania occupata e nella Gerusalemme Est.

Questo modello è sostenuto dal Ministero israeliano degli affari esteri (MFA), il cui sito dispone di ciò che viene descritto come “un elenco dei principali attacchi terroristici contro gli israeliani.” Su un totale di 143 attacchi elencati dall’israeliana MFA accaduti nei quattro mesi da ottobre a gennaio solo 21 di loro – il 15 per cento – si è verificato all’interno della linea verde; il resto, l’85 per cento, ha avuto luogo nella OPT.

L’ elenco dei 143 incidenti dell’MFA comprende 81 attacchi in cui i membri in uniforme delle forze di sicurezza israeliane erano o il bersaglio dell’attacco, o perdite subite. La lista rivela anche che almeno 69 soldati, agenti di polizia (compresa la polizia di frontiera) e guardie di insediamento sono state ferite da ottobre a gennaio, oltre a tre morti (due soldati e un ufficiale di polizia di frontiera). L’ISA ha anche affermato che la metà di tutti gli israeliani moderatamente o gravemente feriti nel mese di ottobre sono stati “membri delle forze di sicurezza.”

 

Sopprimere le proteste – dov’è la copertura mediatica?

 

Come menzionato, la copertura dei media occidentali ha sorvolato, travisato, o semplicemente non segnalato, la violenza di routine utilizzata dalle forze di occupazione israeliane per reprimere le proteste palestinesi – proteste di civili che vivono sotto un regime militare da 49 anni.

Nel corso di un periodo di due settimane, 1-14 ottobre, il bilancio delle vittime palestinesi ha raggiunto 31 morti con “almeno 17 [delle vittime] uccise durante manifestazioni.” Considerando il periodo fino a fine novembre, le forze di occupazione israeliane hanno ucciso 39 palestinesi nel solo contesto di proteste e incursioni.

 

Inoltre, nello stesso periodo di due mesi, le forze israeliane hanno sparato a 4192 palestinesi sia con munizioni vere che con proiettili di metallo ricoperti di gomma. Di conseguenza, in media, le forze di occupazione israeliane hanno sparato a quasi 500 palestinesi ogni singola settimana, sopprimendo proteste e raid, nei mesi di ottobre e novembre.

I dati dell’ UNOCHA e di Al-Haq mostrano che nei quattro mesi da ottobre a gennaio le forze di occupazione israeliane hanno ucciso più di 50 palestinesi e ferito circa 14.000 palestinesi nella repressione delle proteste o durante incursioni. Questo numero non è semplicemente citato nella copertura mediatica della rivolta dalla maggioranza dei media.

 

Perché 1 ottobre?

 

Come il giornalista israeliano Amos Harel ha scritto pochi giorni fa, l’esercito “posiziona [l’attuale ciclo di violenza] dall’assassinio di Eitam e Naama Henkin del 1 ottobre, vicino a Nablus”. È ovvio che questa sequenza di eventi è dovuta agli obiettivi di Israele – ma perché è accettato senza domande dai giornalisti? Nei primi cinque mesi del 2015, le forze di occupazione israeliane hanno ucciso 11 palestinesi e ferito altri 933 all’interno dell’OPT.

Dalla fine del mese di agosto, 26 palestinesi sono stati uccisi negli ultimi otto mesi da parte delle forze israeliane, con ulteriori 1372 palestinesi feriti. In dieci giorni di luglio, 7 civili palestinesi sono stati uccisi dalle forze di occupazione israeliane e dai coloni: un ventunenne palestinese e’ stato colpito a morte “nel momento in cui ha raccolto una pietra da lanciare” ai soldati; un padre di 52 anni e’ stato ucciso mentre era a casa; tre membri della famiglia Dawabsheh; e due adolescenti palestinesi uccisi mentre protestavano contro il fatale attacco incendiario a Duma.

Ma nessuno parla di un ‘ondata di violenza’ quando le dita sul grilletto le mettono le uniformi dell’esercito israeliano; è la violenza degli occupati che fa notizia, non quella delle forze di occupazione o dei coloni che proteggono. Sì, c’è stato un incremento della violenza dall’inizio di ottobre – ma non è venuto fuori dal nulla.

 

Le vite (o morti) dei palestinesi vengono classificate come di ‘assalitori’ o ‘manifestanti violenti’. Gli israeliani sono solo – gli israeliani. Non ci viene detto che 6 su 7 accoltellamenti (o presunti tali) effettuati dai palestinesi hanno avuto luogo nella Cisgiordania occupata e nella Gerusalemme Est, i cui abitanti originari hanno trascorso mezzo secolo sotto un dominio coloniale e militare. Non ci viene detto quante delle vittime israeliane erano membri delle forze di occupazione, o coloni che vivono nelle colonie della Cisgordania.

Le notizie non cominciano con l’attacco omicida alla famiglia Dawabsheh, o l’attacco a morte di Abu Falah Maria; non tengono nemmeno conto dei palestinesi uccisi e feriti durante tutto l’anno, fino al 1 ° ottobre. I migliaia – migliaia – di palestinesi che vengono uccisi dalle forze di occupazione israeliane non vengono citati. Se fosse il contrario – se migliaia di israeliani fossero stati uccisi dai palestinesi nel corso di quattro mesi, sicuramente meriterebbero una menzione delle agenzie di stampa.

 

Il 26 gennaio, il Segretario generale dell’ONU Ban Ki-moon ha dichiarato una semplice verità: “come i popoli oppressi hanno dimostrato nel corso dei secoli, è natura umana reagire all’occupazione”. Nascondere la violenza dell’occupazione e travisare le rivolte anti-coloniali dei palestinesi è da aspettarsi da parte delle autorità israeliane; ma i media non dovrebbero aiutarli.

 

 

Trad. Federico Ard

Fonte: https://www.middleeastmonitor.com/articles/debate/23754-the-missing-data-on-the-palestinian-revolt?utm_content=buffer27f23&utm_medium=social&utm_source=twitter.com&utm_campaign=buffer

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...