A Gerusalemme, una nonna palestinese rifiuta di essere sfrattata per il beneficio dei coloni

di Cyrille Louis, Le Figaro Pubblicato il 2015/12/12 alle 10:59

 Nora Sub Laban ha vissuto per 50 anni nello stesso edificio nel quartiere musulmano della Città Vecchia. Ma un giudice israeliano ha ordinato l'espulsione
Nora Sub Laban ha vissuto per 50 anni nello stesso edificio nel quartiere musulmano della Città Vecchia. Ma un giudice israeliano ha ordinato l’espulsione

Dal nostro inviato a Gerusalemme
Nora Sub Laban è nata un giorno del 1955 sotto questi  soffitti a volta, nel cuore del quartiere musulmano della Città Vecchia di Gerusalemme. “La nostra casa, sospira la nonna palestinese, contiene una vita di ricordi gioiosi e amari”. Il 15 ottobre, il tribunale con una prima sentenza gli ordinò di sgomberare i locali entro 45 giorni. L’agenzia israeliana Galetzia Trust Fund, nel 2010 è diventata  proprietaria del palazzo situato a metà strada su via al-Khalidiya Street, è riuscito a convincere i giudici che Nora e suo marito in realtà non occupano più il loro appartamento. “Abbiamo fatto appello alla Corte Suprema e l’applicazione di questa decisione è sospesa per il momento, ha detto Ahmad Sub Laban, uno dei cinque figli di Nora, ma questo è solo un rinvio. In poche settimane, un paio di mesi al massimo, i coloni e la polizia torneranno per sfrattarci.”
Il caso della famiglia Sub Laban non è isolata. Dal momento dell’occupazione di Gerusalemme Est da parte di Israele nel 1967, un migliaio di coloni ebrei si sono trasferiti nei quartieri musulmani e cristiani della Città Vecchia. Spesso hanno messo gli occhi su edifici che appartenevano agli ebrei prima della partizione del 1948. Le organizzazioni create per organizzare e rafforzare la loro presenza a Gerusalemme est  hanno ripreso il controllo, soprattutto negli anni ’80, di un centinaio di abitazioni occupate da famiglie palestinesi. Alcune hanno accettato di vendere agli intermediari, altre sono state sfrattate per ordine del tribunale. “Anche se il numero totale di proprietà a rischio è limitato, questo è un meccanismo devastante per il tessuto sociale all’interno delle mura della città vecchia”, dice Daniel Seidemann, direttore della ONG Jérusalem terrestre.

Campagna di sostegno

 

Nora Sub Labano, però, ha scelto di resistere. Ahmad, uno di suo figlio lavora per l’Ong israeliana Ir Amin, Rafat e suo fratello sono impiegati in un’organizzazione specializzata nella difesa dei prigionieri palestinesi (Addameer). Entrambi hanno usato la loro esperienza e i loro contatti mail per avviare una campagna di sostegno con grande successo sui social network. La loro storia, in poche settimane, ha fatto un giro di Gerusalemme e delle delegazioni straniere. Il 2 dicembre, il Vice Console Generale degli Stati Uniti ha visitato la città vecchia per incontrare Nora e suo figlio. Piuttosto insolitamente, il rappresentante degli Stati Uniti si è detto “preoccupato per gli sgomberi ripetuti delle famiglie di Gerusalemme”, prima di avvertire: “Tutti i residenti meritano un trattamento equo ai sensi della legge.”

2

La famiglia Laban, è una delle principali famiglie palestinesi della città, si trasferì nel palazzo in via al-Khalidiya nei primi anni ’50 con il consenso dell’amministrazione giordana. La Custodia delle proprietà nemiche, che all’epoca aveva l’incarico degli edifici abbandonati dalle famiglie ebree durante la guerra del 1948, subito concesse lo status di inquilini protetti. “Il nostro affitto da allora è regolamentato, e nessuno ci può cacciare fuori”, dice Ahmad Sub Laban. Ma questo status è progressivamente stato messo in discussione, da quando, dopo la guerra dei sei giorni (1967), l’amministrazione israeliana ha preso il controllo del palazzo invocando i diritti della famiglia ebrea che viveva lì prima della creazione dello Stato.
“La nostra saga legale è iniziata nel 1979 e non ha mai smesso”, dice Nora Sub Laban, a quanto pare è convinta che il vero scopo dell’amministrazione è, fin dal primo giorno, lo sfratto. Il processo a volte verte sull’affitto, altre sulla capacità di eseguire lavori di manutenzione. Nel 1987, una famiglia palestinese che viveva nello stesso palazzo ha venduto e fatto i bagagli. La famiglia palestinese  è stata immediatamente sostituita da coloni israeliani. Un giorno, nel 1988, che fu consentito l’accesso a Sub Laban al loro appartamento, il primo piano fu trovato murato senza alcuna spiegazione. Nora non potrà più metterà piede nella sua casa fino a quando una decisione del tribunale non le darà ragione dal 2001. “In tutto questo periodo, abbiamo continuato a pagare l’affitto per non passare dalla parte del torto”, dice suo figlio Ahmad.

“Questa casa e questo quartiere è diventato, per me, come una carta d’identità”

Nora Sub Laban

Il proprietario del luogo dal novembre 2010, il fondo  privato Galetzia Trust non nasconde di voler ottenere lo sfratto di Sub Laban e moltiplica i procedimenti giudiziari per raggiungere lo scopo. La sua determinazione recentemente ha avuto qualche risultato. La corte, che ha esaminato il consumo di acqua ed elettricità dell’appartamento, ha acquisito la convinzione che non è più abitato da molti anni. I mobili e gli accessori, come l’asciugatura del bucato nel piccolo cortile accanto all’appartamento suggerisce il contrario, ma la giustizia ha confermato la sua decisione in appello il 15 ottobre. I coloni recentemente si sono presentati tre volte, anche in presenza della polizia nel tentativo di fare eseguire la sentenza.
Con le spalle al muro, la famiglia si basa sulla natura ormai iconica di questo contenzioso a chiede aiuto alla comunità internazionale. Il 19 novembre, un gruppo di associazioni filo-palestinesi ha inviato una lettera a Laurent Fabius per sollecitare il sostegno della Francia. “Vi chiediamo, signor Ministro, di intervenire rapidamente con il governo israeliano, come minimo facendo pressioni sul suo ambasciatore in Francia”, hanno scritto. “Dopo sessant’anni trascorsi qui, da parte sua, ha detto Nora Sub Laban, non riesco a immaginare di lasciare questa casa e questo quartiere che è diventato, per me, come una carta d’identità.”

Manifestazione davanti alla casa di Nora
Manifestazione davanti alla casa di Nora

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Trad. Invictapalestina

Fonte: http://www.lefigaro.fr/international/2015/12/12/01003-20151212ARTFIG00045–jerusalem-une-grand-mere-palestinienne-refuse-de-se-laisser-expulser-au-profit-des-colons.php

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...