La corte saudita condanna a morte il poeta.

Gli amici del poeta palestinese Ashraf Fayadh credono che sia stato punito per la pubblicazione di un video che mostra la polizia religiosa mentre frusta un uomo in pubblico.

21nov1
Ashraf Fayadh, right, with art historian Chris Dercon, outgoing director of Tate Modern, attend the opening of an exhibition in Jeddah curated by Ashraf Fayadh. Photograph: Ashraff Ayadh/Instagram

Un poeta palestinese  esponente di spicco nella scena artistica contemporanea dell’Arabia Saudita è stato condannato a morte con l’accusa di aver rinunciato all’Islam.

Un tribunale saudita  Martedì  ha sentenziato l’esecuzione di Ashraf Fayadh. L’artista  ha curato mostre d’arte a Jeddah e alla Biennale di Venezia. Al poeta, che ha detto di non avere una difesa legale, sono stati dati 30 giorni di tempo per presentare ricorso contro la sentenza.

Rhizoma, the Edge of Arabia exhibtion at the 55th Venice Art Biennale.
Rhizoma, the Edge of Arabia exhibtion at the 55th Venice Art Biennale. Ashraf Fayadh, Rhizoma, l’antica parola greca per la radice sotterraneo di una pianta che spara le sue radici sia orizzontalmente che verticalmente come metafora di una nuova audace generazione di artisti che stanno sfidando la forza di gravità attraverso progetti d’ispirazione.

Fayadh, 35 anni, è membro importante dell’Associazione Artistica britannico-saudita Edge of Arabia, nel Maggio 2014 era stato condannato a quattro anni di prigione e 800 frustate dal Tribunale di Abha, una città nel sud-ovest del regno ultraconservatore.

Il suo ricorso è stato respinto e il mese scorso   l’insediamento di una nuova corte aveva già annunciato che il suo pentimento non avrebbe evitato la condanna.

“Sono rimasto davvero scioccato, ma ci si aspettava, anche se non ho fatto nulla che meriti la morte”, ha detto al Guardian Fayadh.

Mona Kareem, un attivista per i diritti dei migranti dal Kuwait che ha condotto una campagna per il rilascio del poeta, ha dichiarato: “Per un anno e mezzo gli hanno promesso  un appello ma sempre sotto minaccia di nuove prove.

“Non è stato possibile assegnare un avvocato perché il suo documento di identità è stato confiscato al momento dell’arresto [in gennaio 2014]. Poi hanno detto che sarebbe stato  necessario disporre di un nuovo processo quindi nuovo pubblico ministero e nuovi giudici. Il nuovo giudice non ha neppure parlato con lui, ha redatto solo il verdetto.”

I sostenitori di Fayadh credono che sia stato punito dagli estremisti per la pubblicazione di un video online che mostra la polizia religiosa (mutaween) a Abha durante la flagellazione un uomo in pubblico. “Alcuni sauditi pensa che questa sia una vendetta della polizia religiosa”, ha detto Kareem.

Kareem ritiene inoltre che Fayadh è stato presa di mira perché è un rifugiato palestinese, anche se nato in Arabia Saudita.

La polizia religiosa ha arrestato Fayadh nell’agosto del 2013, dopo aver ricevuto una denuncia che Fayadh imprecava contro Allah e il profeta Maometto, insultando l’Arabia Saudita con la distribuzione di un libro di poesie per promuovere l’ateismo. Fayadh si è difeso dicendo che la denuncia era nata da una disputa personale con un altro artista nel corso di una discussione sull’ arte contemporanea in un caffè di Abha.

Dopo un giorno è stato rilasciato su cauzione , ma la polizia lo ha arrestato di nuovo il 1 ° gennaio 2014, confiscando il suo ID e trattenendolo in una stazione di polizia fino al trasferimento nel carcere locale, 27 giorni più tardi. Secondo gli amici di Fayadh, quando la polizia non è riuscita a dimostrare che la sua poesia era propaganda atea, hanno incominciato a rimproverarlo per il fumo e  per i capelli lunghi.

 

“Mi accusano di ateismo e di diffondere pensieri distruttivi nella società”, ha detto Fayadh, aggiungendo che il libro, Instructions Within, pubblicato nel 2008, è “una riflessione su sé stesso in quanto  profugo palestinese … su questioni culturali e filosofici. Ma gli estremisti religiosi lo  hanno interpretato come idee distruttive contro Dio”.

Il caso è andato a giudizio nel febbraio del 2014, quando il denunciante e due membri della polizia religiosa hanno riferito alla corte che Fayadh aveva bestemmiato  pubblicamente, promosso l’ateismo verso i giovani e condotto relazioni illecite con le donne, conservando alcune delle loro fotografie sul suo telefono cellulare.

Fayadh ha negato le accuse di blasfemia  dichiarandosi  fedele musulmano. Nei documenti del tribunale è riportata una sua dichiarazione: “Faccio ammenda al cospetto di Dio l’altissimo e mi dichiaro innocente rispetto a quanto compare nel mio libro, menzionato in questo caso.”

I documenti affermano, inoltre, che ha ammesso di aver avuto rapporti con le donne. Ma Fayadh replica  che le sue parole sono  state travisate: le donne erano amiche artiste e le foto sul suo telefono, alcune delle quali pubblicate su Instagram, sono state prese durante Jeddah art week, il più importante evento di arte contemporanea dell’Arabia Saudita.

Schermata 2015-11-21 alle 16.42.54
An image from Ashraf Fayadh’s Instagram account.

Il caso mette in luce le tensioni tra conservatori religiosi intransigenti e il piccolo ma crescente numero di artisti e attivisti che iniziano a superare i limiti della libertà di parola in Arabia Saudita, dove il cinema è vietato e non ci sono scuole d’arte. Abha, che è diventato un centro per l’arte contemporanea saudita, è stato un punto di riferimento per tali controversie negli ultimi anni. Un collettivo anonimo di cineasti che ha realizzato un cinema segreto in città nel mese di ottobre 2012 ha ricevuto minacce di morte da estremisti.

 

Il più noto artista contemporaneo del regno, Ahmed Mater, che vive a Abha e ha testimoniato in difesa di Fayadh al suo primo processo, ha detto: “Ashraf è ben noto a Abha e in tutta dell’Arabia Saudita. Siamo tutti pregando per la sua liberazione. ”

Stephen Stapleton, co-fondatore di Edge of Arabia, ha detto che Fayadh è stata una figura chiave dell’arte contemporanea saudita facendola conoscere a un pubblico globale.

“Egli è stato determinante per l’introduzione di arte contemporanea saudita in Gran Bretagna e il collegamento Tate Modern alla scena emergente”, ha detto Stapleton. “Ha curato una grande mostra a Jeddah nel 2013 e co-curato la mostra alla Biennale di Venezia in quello stesso anno.

“Lo conosco dal 2003. E ‘un’esperienza davvero meravigliosa, persona gentile. E’ un intellettuale  creativo, ma non è  ateo “.

Adam Coogle, un ricercatore in Medio Oriente di Human Rights Watch, ha detto che la condanna a morte di Fayadh dimostra “l’intolleranza verso coloro che non condividono opinioni religiose, politiche e sociali del governo dell’Arabia Saudita”.

Adam Coogle ha continuato dicendo che “Gli atti del processo in questo caso indicano chiare violazioni di un processo equo, comprese le accuse che non sono assimilabili a crimini riconoscibili e la mancanza di accesso all’assistenza legale.”

Schermata 2015-11-21 alle 16.44.27“Questo caso è un altro punto nero sulla triste situazione dei diritti umani in Arabia Saudita nel 2015, che comprende la fustigazione pubblica del blogger liberal Raif Badawi nel mese di gennaio e una condanna a morte per Ali al-Nimr, un uomo saudita accusato di attività di protesta legate a fatti presumibilmente commessi prima di compiere 18 anni.

 

196640_Ali_al-Nimr_og

 

“Se l’Arabia Saudita vuole far registrare un miglioramento dei propri diritti umani deve rilasciare Fayadh e rivedere il proprio sistema giudiziario per arrivare a sentenze serene – In particolare quelle che si traducono in decapitazione”.

Trad. Invictapalestina

Campagna su Avaaz: https://secure.avaaz.org/en/petition/Amnesty_international_Save_the_palestinian_poet_and_artist_Ashraf_Fayadh/?aOLotbb

Campagna lanciata per la sua liberazione: https://twitter.com/hashtag/FreeAshraf?src=hash

fonte: http://www.theguardian.com/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...