La cucina palestinese per supportare i ragazzi disabili.

BETLEMME (Ma’an) – By: Anna Kokko – AUG. 14, 2015

Nel mezzo del campo profughi di Aida a Betlemme nel sud della West Bank occupata, un gruppo di donne palestinesi preparano per il pranzo. A differenza di un normale giorno in cui cucinerebbero per le loro famiglie, questo Venerdì pomeriggio una trentina di stranieri stanno guardando molto attentamente mentre rotolano foglie di vite e zucchine ripiene.

Rania Jamal Abu Auda teaching how to make stuffed vine leaves.(MaanImages/Anna Kokko)
Rania Jamal Abu Auda teaching how to make stuffed vine leaves.(MaanImages/Anna Kokko)

Negli ultimi cinque anni questi corsi di cucina tradizionale palestinese sono stati la principale fonte di reddito per circa tredici donne coinvolte nel gruppo di Noor Women’s Empowerment Group (Noor WEG). Organizzando corsi di cucina circa quattro volte al mese, le donne con le quote di partecipazione di 65 shekel (17 dollari) a persona sostengono i loro figli disabili.

“Gli uomini qui si preoccupano dell’occupazione, non dei bambini. Se le donne non fanno nulla, chi ci aiuta? “, si domanda  Islam Jameel Abu Auda, coordinatrice del progetto.

Mentre il governo palestinese non fornisce nessun sostegno per i bambini con disabilità, è dovere delle famiglie acquistare le medicine necessarie, pannolini, e pagare per i programmi scolastici speciali. Poche donne del gruppo hanno figli sani, ma fanno parte dell’associazione come madri single.

Nonostante la crescente popolarità dei loro corsi di cucina, creare l’associazione è stata una sfida, perchè non tutti nel campo hanno sostenuto l’idea delle donne che lavorano. Avere bambini disabili ha aggiunto un ulteriore vergogna.

“Alcune famiglie palestinesi nascondono i loro figli disabili per il timore che le loro figlie non possano sposarsi, per esempio,” come racconta a MA’AN NEWS AGENCY,  Koos Mohammed, attivista di Noor WEG.

art15_7

Per i partecipanti stranieri, le classi offrono l’opportunità di imparare a preparare le portate di un pasto completo palestinese.

art15_6 art15_4 art15_3

Anna Eder, una studentessa austriaca, che frequenta un corso estivo di Arabo all’Università di Betlemme, dice che questa è stata la prima volta che ha avuto l’opportunità di degustare Manoush, o pane condito con timo e altre spezie. Prima, ne aveva sentito parlare solo durante le sue lezioni di arabo.
“Vedo sempre questi piatti nella cucina della famiglia ospitante (Palestina), ma non sapevo come fossero preparati” racconta. “Ma non credo che sarò in grado di prepararli a mia volta, probabilmente non troverò neanche le foglie di vite in Austria”.

Scott Graber dagli Stati Uniti dice che il suo unico rammarico è che non conosceva esattamente gli ingredienti, in particolare le spezie aggiunte nei piatti.
“Ma se l’obiettivo della classe è quello di divertirsi e degustare buon cibo, allora è sicuramente valsa la pena”, dice Graber.

art15_8Per i maestri, un obiettivo a lungo termine è quello di creare una scuola speciale per bambini disabili, in particolare per quelli con più di 15 anni. Allo stesso tempo, essi sperano di educare altri genitori su come affrontare le esigenze particolari dei loro figli.
Ma affinchè la scuola diventi realtà, molte altre foglie di vite devono essere rollate.

trad. Invictapalestina.

fonte. http://maannews.com/Content.aspx?id=767045

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...